Interventi

Ritrovare unitÓ e capacitÓ d'intervento (31 luglio 2006)

╚ stato appena ricevuto il programma delle prossime riunioni delle Commissioni Continentali e dell’Assemblea Generale del CGIE dopo una lunga, troppo lunga pausa in un periodo cruciale per la vita politica e le scelte degli italiani all’estero.
Come avevamo previsto e scritto nel corso della campagna elettorale la Sinistra ha fatto man bassa dei posti disponibili, e dove non ce n’erano li ha creati. Dicevamo allora “Santa ingenuitÓ: non Ŕ una novitÓ che la sinistra italiana quando giunge al potere, a qualsiasi livello, crea vuoto ed esclusione. Essa Ú incapace di dialogo se non fra le sue componenti, e non sempre.” Eravamo stati facili profeti, valorizzando l’esperienza del passato.
Avevamo iniziato nella primavera 2005 una battaglia solitaria per sottolineare l’inadeguatezza di programmi ed informazione di RAI International, caduta nel vuoto per lungo tempo. Ora la sinistra si sta scatenando sullo stesso tema, ed anche questa circostanza trova una ragione: noi miravamo allora all’interesse degli Italiani all’estero (chiedendo l’adeguamento delle risorse economiche), costoro mirano ora alle poltrone (chiedendo la testa del direttore).
I gruppi dirigenti degli Italiani all’estero che si riconoscono nei valori della Casa delle LibertÓ, di cui mi onoro di far parte, portano una grave responsabilitÓ, quella di aver consentito, con le loro divisioni, che la sinistra andasse al potere: il Paese sta pagando un alto prezzo per le illusioni.
Ma non Ŕ tempo di continuare a piangerci addosso: dobbiamo rimetterci a lavorare per offrire non sogni, ma concretezza.
Per farlo dobbiamo innanzitutto ritrovarci, valutare i problemi, trovare soluzioni unitarie e condivise, individuare un gruppo direttivo coeso e convinto.
Abbiamo perso le elezioni politiche, talvolta con qualche caduta di stile, siamo minoranza all’interno del CGIE, cosý come nei COMITES.
Proprio per questo dobbiamo moltiplicare gli sforzi per una analisi di situazione capillare ed attenta che porti ad individuare le linee di azione pi¨ idonee a ritrovare il consenso.
La sinistra ha saputo conquistare voti con una campagna elettorale condotta da professionisti della politica, utilizzati nelle organizzazioni sindacali e patronati, sparsi capillarmente nel mondo; a questa macchina di guerra e propaganda non abbiamo saputo opporre che poche forze, per di pi¨ divise e senza indicazioni, scarse risorse, molto volontariato.
╚ finito questo modo di fare politica e le forze cui facciamo riferimento debbono prenderne atto.
Gli Italiani che si riconoscono nei valori della Casa delle libertÓ hanno commesso l’errore di presentarsi divisi alla tenzone elettorale, ma Ŕ altrettanto evidente che la coalizione non ha creduto di aver bisogno del loro apporto ed ha acconsentito che le divisioni trovassero sfogo in pi¨ liste.
╚ tempo di ricredersi e di farlo alla svelta, di ritrovare unitÓ e capacitÓ di intervento a cominciare dalle prossime Assemblee generali del Consiglio Generale degli Italiani all’estero, di proporre un’azione di spinta costante, concreta e non scioccamente polemica, all’azione della maggioranza, di costituire una fonte critica, propositiva, efficace e documentata.
Il tempo stringe: Ŕ ora di rimettersi a lavorare.

Torna alla pagina precedente