Interventi

Proposta di legge per assegno di solidarietÓ, ovvero mancanza di serietÓ (30 agosto 2006)

╚ appena apparsa su una agenzia la notizia della assegnazione, in sede referente, alla Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati della proposta di legge per la erogazione di un assegno di solidarietÓ ai cittadini anziani, indigenti, residenti all’estero.
La proposta Ŕ presentata dalla deputata Marisa Bafile e controfirmata da alcuni colleghi, tra cui i Consiglieri CGIE On. Fedi, Bucchino, Narducci, Farina.
La proposta Ŕ condivisibile, corrisponde ad una delle rivendicazioni pi¨ volte reiterate dal Consiglio Generale degli Italiani all’estero ed inoltre era stata chiaramente ed apertamente annunciata dalla On. Bafile in occasione del suo intervento nel corso del dibattito sulla fiducia al Governo Prodi.
Come componenti del CGIE non possiamo quindi che rallegrarci di questa iniziativa, che avevamo giÓ sposato ed approvato nel passato, augurando che essa trovi finalmente uno sbocco finalmente favorevole.
Il compiacimento si Ŕ per˛ rapidamente tramutato in stupore alla lettura delle modalitÓ individuate per la copertura finanziaria, valutata in 80 milioni di euro, che hanno suscitato perplessitÓ e scetticismo su un esito positivo e soprattutto rapido dell’iter parlamentare.
La proposta, infatti, all’articolo 2 recita:
“Articolo 2 (Copertura finanziaria).
1. All’onere derivante dall’attuazione della presente legge, pari a 80 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2006, si provvede mediante quota parte del gettito derivante dall’imposta sulle successioni e donazioni sui grandi patrimoni, che Ŕ ripristinata a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, nelle misure e con le modalitÓ previste dalle disposizioni vigenti prima dell’entrata in vigore della legge 18 ottobre 2001, n. 383.
L’articolo 13 e il comma 1 dell’articolo 14 della citata legge n. 383 del 2001 sono abrogati.”
Appare quindi che contestualmente all’approvazione dell’assegno sociale per i cittadini italiani residenti all’estero in stato di indigenza, nel corpo della stessa proposta di legge, viene ripristinata l’imposta di successione e di donazione sui grandi patrimoni.
Il Paese Ŕ attraversato da un ampio dibattito su quest’ultimo argomento, di natura prettamente ideologica e non Ŕ assolutamente scontato che la abolizione cosi disinvoltamente indicata dalla On. Bafile sia condivisa ed approvata in tempi rapidi.
La iniziativa della deputata Bafile, benemerita certamente, appare quindi poco coordinata nell’ambito parlamentare e della stessa maggioranza, suggerita dalla fretta di proporre un tema di sicuro impatto, ma senza alcun preventivo accordo in tema di copertura finanziaria, avviata ad un percorso certamente lento, irto di ostacoli, forse insormontabili.
Viene quindi il sospetto che si tratti pi¨ di una trovata pubblicitaria per mettersi in mostra e mostrarsi attenti ai bisogni delle fasce deboli, che la espressione di una reale volontÓ di soluzione per un problema che Ŕ certamente grave e sentito.
Il nostro Ŕ un modesto apporto di pensiero, ma ci permettiamo di suggerire che le proposte espresse dal CGIE siano valutate con serietÓ dai parlamentari, soprattutto se eletti all’estero, e non sfruttate con cinismo e ipocrisia per un facile palcoscenico a spese di tanti italiani che ancora hanno fiducia e sperano che i loro rappresentanti si adoperino per portare a soluzione con onestÓ intellettuale gli annosi problemi che li affliggono.
Meglio tacere ed accantonare in attesa di tempi migliori, lavorando in silenzio per ricercare un largo accordo che sullo specifico tema non potrÓ mancare, piuttosto che bruciare con leggerezza ed improvvisazione, sull’altare di una facile e ipocrita visibilitÓ, la possibilitÓ di ottenere soluzioni largamente condivise.

Torna alla pagina precedente